Perchè diventare Socio Sostenitore?

Cari Amici,
ho pensato a lungo a cosa scrivere per farvi diventare sostenitori di L'Aquila siamo noi.
In un'epoca nella quale ci chiedono continuamente di sottoscrivere qualcosa, di affiliarci a tante iniziative, avevo paura di essere scontato, di toccare corde fin troppo abusate sino ad essere prive di significato. 

Poi ho capito che dovevo condividere con voi il come e il perché sono arrivato alla decisione di impegnarmi assieme ad altri amici per la costituzione di L'Aquila siamo noi: i nostri pensieri più profondi, i nostri dolori, le nostre titubanze, ma anche le nostre speranze e i nostri slanci sono le cose più vere di noi stessi.

Ognuno di noi ha un proprio "luogo dell'anima": un posto magico, unico, dove riusciamo a sentirci in armonia con noi stessi e il resto dell'universo. Ebbene, per me e per tante altre persone questo luogo dell'anima era, fino alle 3.32 di una notte di aprile, L'Aquila.

Il terremoto ha sfregiato tanti luoghi cari, ha portato via per sempre persone che conoscevo fin da bambino, ha rubato a me e a tutti gli aquilani la memoria e le radici più profonde. Ma le pietre, i paesaggi, le chiese, i negozi, i palazzi medievali, i mercati e le antiche botteghe possono essere ricostruite e saranno certamente ricostruite con il tempo.
Più difficile è ricostruire le nostre identità, le nostre coscienze, il senso profondo delle nostre vite e dell'appartenenza ad una Comunità. Rischiamo di diventare vuoti simulacri se rimaniamo freddi, distaccati, insensibili rispetto alle tante cose da ricostruire e ai tanti bisogni, che potremo invece colmare se agiremo tutti insieme, impastando la calce delle nuove costruzioni con le nostre idee, con il nostro sudore, con i nostri progetti, con la nostra fatica, con la generosità del nostro cuore e con le speranze che portiamo nelle nostre anime.
Secoli fa il poeta inglese John Donne, pensando che nessun uomo è un'isola, cioè può considerarsi indipendente dal resto dell'umanità, scrisse:

"…No man is an island...And therefore never send to know for whom the bell tolls. It tolls for thee".
("…Nessun uomo è un'sola…E allora, non chiedere mai  per chi suona la campana . Essa suona per te")

In quella notte di aprile la campana ha suonato per tutti noi, sia per chi in questa Città è nato, sia per chi questa Città ha imparato a conoscere ed amare e la sente anche un po' come la propria.
E' per questo che vi chiedo di fare dell'Associazione, portandovi il contributo dei vostri progetti e delle vostre idee, lo strumento a disposizione della vostra volontà e delle vostre capacità per rispondere alla chiamata di quella campana che continua a suonare nel vostro Cuore…

Grazie.

Alfredo Ranieri Montuori
Vice Presidente Associazione L'Aquila Siamo Noi